Per un nuovo ordinamento giudiziario

nuovordinamento

AA. VV.

I Libri di Astrid

a cura di Elena Paciotti, introduzione di Alessandro Pizzorusso

Anno :2007

Pagine :214

Prezzo :10,00€

ISBN :88-368-1029-1


Con l’approvazione dei decreti delegati previsti dalla legge 150/2005, la riforma dell’ordinamento giudiziario voluta dal governo Berlusconi è di fatto compiuta. Essa ha suscitato, come è noto, critiche radicali e diffuse: molti vi hanno visto un ritorno a una concezione burocratica-gerarchica della magistratura e il rischio di una sua subordinazione al potere esecutivo.
In questo volume un gruppo di esperti coordinati da Elena Paciotti studia, in vista di nuove prospettive legate al cambio di governo, gli interventi legislativi necessari a evitare i guasti derivanti dalla attuazione dei decreti legislativi già emanati, e la definizione delle linee generali di un nuovo ordinamento giudiziario pienamente conforme al dettato costituzionale. Non basta infatti eliminare la recente controriforma, e tornare all’ordinamento previdente. Occorre prevedere nuovi e più incisivi metodi di controllo della professionalità e della produttività dei magistrati, che tuttavia ne salvaguardino pienamente l’indipendenza.

L'autore:
Il gruppo di lavoro di Astrid che ha elaborato questo documento è stato coordinato da Elena Paciotti. Al gruppo hanno partecipato: Domenico Carcano, Claudio Castelli, Francesco Dal canto, Vito D'Ambrosio, Vincenzo Di Carlo, Giovanni Diotallevi, Daniela Intravaia, Ezia Maccora, Luigi Marini, Giovanni Melillo, Alessandro Pizzorusso, Renato Romano, Roberto Romboli, Giovanni Salvi, Giuseppe Santalucia, Jacopo Sce, Luigi Scotti, Andrea Simi, Stefano Zan.