Romancero gitano

romancero-gitano

Federico García Lorca

Passigli Poesia

a cura di V. Nardoni

Anno :2020

Pagine :144

Prezzo :16,00€

ISBN :9788836818044

Apparso nel 1928, il "Romancero gitano" resta senza dubbio una delle opere fondamentali di Federico García Lorca e quella che ne consacrò defnitivamente la fama e la popolarità, al punto che lo stesso poeta, anni più tardi, ancora poteva lamentarsi in una lettera a Jorge Guillén per quell’etichetta di gitanería che gli era rimasta appiccicata addosso: “I gitani sono un tema. E niente più. Io potevo essere poeta anche di aghi da cucire o di paesaggi idraulici. Inoltre il gitanismo mi dà un’aria di incultura, di mancanza di istruzione e di poeta selvaggio che tu sai bene che non sono. Non voglio essere incasellato. Sento che mi stanno mettendo le catene”. Tuttavia, se è vero che quello dei gitani è solo un tema, è anche vero che soltanto un poeta come Lorca poteva sentirlo e penetrarlo fino a trasformarne il facile folklore andaluso in qualcosa di profondo e universale. Come scrive Valerio Nardoni, cui si deve questa nuova traduzione, “il Romancero gitano è un ‘retablo’ cosmico, dove l’unica vera divinità è la pena negra, la traccia dell’eterna sconftta dell’uomo nella sua lotta col mondo”.