La coccinella

David Herbert Lawrence

La Grande Biblioteca

Racconto minore ma non meno importante per penetrare nell’universo del grande scrittore inglese, è la storia di un amore ritrovato tra una nobile signora inglese e un conte tedesco.

Risveglio

Jean Giono

La Grande Biblioteca

Risveglio è uno dei romanzi-chiave della cosiddetta ‘prima maniera’ di Giono: mistica, solare, naturale, ispirazione dionisiaca. Lo scrittore canta il fluire della vita, la gioia che procurano le ricchezze della Natura.

Madri e figlie

AA. VV.

La Grande Biblioteca

Una raccolta di racconti delle maggiori scrittrice spagnole contemporanee sul tema universale della relazione tra madri e figlie.

Pienezza di vita

Edith Wharton

La Grande Biblioteca

Qui raccolti alcuni dei più bei racconti della Wharton di soggetto italiano.

Diario di un cacciatore

Miguel Delibes

La Grande Biblioteca

Delibes costruisce attraverso gli occhi del suo personaggio un romanzo davvero straordinario, divertente – a tratti persino esilarante – e commovente.

L’amore di Erika Ewald

Stefan Zweig

La Grande Biblioteca

Una raccolta di quattro racconti giovanili ma che contengono già tutta la capacità di osservazione e una finezza estrema nello “studio di anime”.

L’allievo Gilles

Andrè Lafon

La Grande Biblioteca

Pubblicato nel 1912 ed uscito in Italia nel 1936 nella bellissima traduzione di Carlo Betocchi, L’allievo Gilles è stato definito da Giovanni Raboni “un piccolo capolavoro”.

Le vie del mare

François Mauriac

La Grande Biblioteca

In questo romanzo ci sono tutti i temi più cari alla narrativa di questo grande scrittore: dal senso del peccato alla deviazione morale, alla lucida indagine del mondo oscuro delle passioni.

Il giardino e la vita

Sondra Shulman

La Grande Biblioteca

È la storia di un triangolo incompiuto, di tre vite che si intrecciano, senza però avere la forza di cercarsi fino in fondo. Una storia semplice e struggente, densa di segreti e rimpianti.

Lettere d’amore di un sessantenne voluttuoso

Miguel Delibes

La Grande Biblioteca

Un vecchio scapolo castigliano stabilisce una corrispondenza progressivamente amorosa con una vedova andalusa attraverso una rivista, ricostruendo così un complesso ritratto di sè.