Transazione eseguita

transazione-eseguita

Emilio Zucchi

Passigli Poesia

Anno :2019

Pagine :64

Prezzo :10,00€

ISBN :9788836816958

«C'è una coerenza tematica, ideale, musicale, ma di una musica straziante, dura, senza compiacimento, tra l'inizio e la conclusione di questo nuovo libro di Emilio Zucchi, un libro unico, coraggiosissimo nel paesaggio abbastanza conformista della poesia italiana contemporanea. Il titolo "Transazione eseguita"  ne dice in pieno la tonalità: la qualità disumanizzante e mortifera del linguaggio tecnico-economico è declinata nella sua versione (apparentemente) vincente e definitiva: il lettore ci sente il rumore sordo delle operazioni di un bancomat...
Da tanto tempo non sentivo nella poesia italiana risuonare tanta energia di ribellione e di opposizione, di critica della civiltà che fa riferimento, aggiornandole, a quelle stagioni passate ma ancora attualissime, e penso all'idea dell'uomo a una dimensione di Marcuse, al concetto di omologazione in Pasolini. Da tanto tempo il lettore di poesia, stordito dalla contemporanea orgia di emotività minimalista, non viene chiamato alla sua corresponsabilità con l'orrore che avanza come in questi versi di Zucchi: "Non avere rimpianti, abbi rimorsi"...» (Dalla prefazione di Giuseppe Conte).

Emilio Zucchi è nato nel 1963 a Parma, dove vive. Dopo aver esordito nel 1994 con la raccolta "Il pane", seguita nel 2001 da "Il pioppo genuflesso", le sue ultime due pubblicazioni di poesia sono uscite in questa collana: "Tra le cose che aspettano" nel 2007 (finalista ai premi Viareggio-Rèpaci e Cetona Verde) e il breve poema "Le midolla del male" nel 2010, che si è aggiudicato il Premio Toti Scialoja, il Lerici-Pea e il Tarquinia-Cardarelli, e che già ha avuto due importanti edizioni straniere: in lingua inglese, a cura di Beppe Cavatorta e Brenna Ward («Journal of Italian Translation», Brooklyn College, New York), e in lingua svedese, a cura di Jesper Svenbro, membro dell'Accademia di Svezia (Faethon, 2017). Si occupa di poesia anche da un punto di vista critico, in particolare sulla «Gazzetta di Parma», di cui è redattore. Dirige la rivista «Aurea Parma» e la collana di saggistica poetica "L'arco di Ulisse" per l'editore Algra.