In ginocchio fino all’arcobaleno

in-ginocchio-fino-allarcobaleno

Eliza Macadan

Passigli Poesia

Anno :2020

Pagine :80

Prezzo :12,00€

ISBN :9788836818037

Se è raro che una scrittrice romena scriva poesie direttamente in italiano, Eliza Macadan ci ha ormai abituati a considerarla una delle voci più originali e interessanti della poesia italiana contemporanea tout court, e questo nonostante la sua vita continui a svolgersi prevalentemente in Romania, tra Bucarest dove vive e la moldava Bacau dove è nata. È stata infatti la lingua italiana il suo principale polo di attrazione negli ultimi vent’anni, tanto che sono ben otto le pubblicazioni che si sono succedute in questo lasso di tempo: da "Frammenti di spazio austero" a "Paradiso riassunto", da "Il cane borghese" a "Anestesia delle nevi", da "Passi passati" a "Pioggia lontano", da "Zamalek" a "Pianti piano" – quest’ultima apparsa in questa nostra collana. Una scelta, un tragitto, che sono stati forse anche il segno di quell’aprirsi alla libertà che i Paesi dell’Europa orientale riscoprivano solo alla fine del secolo scorso, dopo decenni di isolamento forzato; la libertà di muoversi, di varcare i confini, senza rinnegare in nulla la propria origine e la propria esperienza, ma con il desiderio di rivedere anche se stessi da una prospettiva diversa e più ampia.
Una lingua che non è la nostra natale rappresenta sempre un altro-da-sé, e ancora di più nella poesia, che della lingua vuole sfruttare ogni aspetto, anche puramente fisico e sonoro; è già di per sé un invito a un altrove da cui guardarsi, da cui tornare a se stessi arricchiti e forse più compiuti. Ed è anche questo uno dei maggiori tesori della poesia di Eliza Macadan, nel suo verso italiano che ci parla da un altrove che riconosciamo come nostro e insieme come nuovo: frutto maturo di una civiltà poetica che non ha mai conosciuto confini.

 

Nata nel 1967, Eliza Macadan vive a Bucarest e scrive in romeno, francese e soprattutto in italiano. Le sue raccolte di poesia hanno ricevuto vari riconoscimenti in Romania, Italia e Francia, tra i quali il Premio Léon Gabriel Gros nel 2014 per "Au Nord de la Parole". Le raccolte italiane sono: "Frammenti di spazio austero" (2001, 2018), "Paradiso riassunto" (2012), "Il cane borghese" (2013), "Anestesia delle nevi" (2015, finalista ai premi Camaiore e Fabriano), "Passi passati" (2016), "Pioggia lontano" (2017),  "Zamalek, solo andata" (2018) e "Pianti piano" (2019). Molto attiva anche come traduttrice, ha fondato e dirige l’associazione culturale “Limes”, con sede a Bucarest.