Ratificare Lisbona?

clip_image0012

Giuseppe Guarino

Percorsi e Prospettive

Anno :2008

Pagine :176

Prezzo :17,50€

ISBN :1142-7


"Le regole dell’Unione europea sono parecchio stravaganti. Lo comprendiamo se proviamo a riferirle all’Italia. Dove c’è scritto Unione, leggiamo Italia; dove Stati membri, Regioni o Province autonome. Berlusconi, il PDL e la Lega, che sono in grande maggioranza in Parlamento, non potrebbero formare il Governo! I ministri nel numero di ventuno, estranei al Parlamento e destinati a restare in carica per l’intera legislatura, sarebbero designati uno a testa dai presidenti delle Regioni che appartengono, nella maggior parte, alle minoranze sconfitte. I ventuno ministri di designazione regionale determinerebbero il quantum delle risorse annualmente spendibili in ciascuna regione, compresa la Lombardia. Parliamo della Lombardia perché è la regione italiana più popolosa e ricca. Se non ottemperasse alla disciplina sarebbe sanzionata. Le regole della Lombardia sarebbero più rigide di quelle della maggioranza delle altre regioni. Pur tuttavia anche i ministri delle regioni che si avvalgono di normazioni più flessibili concorrerebbero ad impartirle istruzioni, con relative sanzioni. Per la formazione del Governo nazionale il voto dei lombardi varrebbe circa ottanta volte meno di quello dei valdostani, trenta volte meno di quello dei molisani, metà circa di quello dei siciliani e pugliesi, un quinto di quello dei calabresi e così via. Irrazionali differenze tra i cittadini delle varie regioni vi sarebbero anche nel voto per l’elezione del Parlamento e per la formazione del Consiglio. Sarà vero che queste stravaganze si verificano in Europa? Come è possibile che nessuno se ne sia accorto? Ne sortirebbe un Governo non democratico ed in violazione del principio della parità (articoli 1 e 11)."
Giuseppe Guarino
Giuseppe Guarino, professore emerito nell’Università di Roma La Sapienza, socio dell’Accademia dei Lincei. Nel 1972 ha fatto parte della Commissione Vedel istituita dalla CEE per studiare i problemi dell’ammissione dell’UK. Ha esaminato i Trattati dell’Atto Unico (Europa 1992, il Mulino, 1988) e di Maastricht (Verso l’Europa, Mondadori, 1997, ed Eurosistema, Giuffrè, 2005) indicando, con previsioni che si sono avverate, cosa si sarebbe dovuto fare e cosa sarebbe accaduto se lo si fosse fatto. Ministro delle Finanze nel 1987 e dell’Industria nel 1992.