Semplificare l’Italia

semplificare-litalia

Franco Bassanini e Luca Castelli

I Libri di Astrid

Anno :2008

Pagine :172

Prezzo :22,00€

ISBN :1110-6

Il sistema istituzionale italiano è troppo complicato, macchinoso, ipertrofico: ministeri, agenzie e enti pubblici nazionali, regioni, enti e agenzie regionali, province, comunità montane, comuni, unioni, associazioni e consorzi intercomunali, circoscrizioni, ATO, Aziende sanitarie, e altro ancora. La ripartizione dei compiti e dei poteri fra queste migliaia di organismi pubblici è disordinata e in molti casi irrazionale, con duplicazioni di funzioni e sovrapposizioni di competenze. La legge di riforma dell’amministrazione del 1997 (cosiddetta legge Bassanini) delineò un progetto di forte semplificazione del sistema amministrativo e dettò i criteri per una distribuzione più razionale dei poteri di decisione e di gestione di prestazioni e servizi pubblici. Ma la sua attuazione è rimasta a metà del guado. Vicende come quella degli Uffici territoriali del governo, degli sportelli unici (per le attività produttive, per l’automobilista, per l’edilizia, per l’internazionalizzazione delle imprese), della Carta di identità elettronica, della semplificazione dei procedimenti ne sono l’emblema; per non parlare delle città metropolitane, previste già dalle legge 142 del 1990. Ma la questione non può essere elusa. L’Italia non potrà affrontare le grandi sfide del XXI secolo senza una organizzazione istituzionale e amministrativa più razionale, più efficiente, meno costosa, più moderna. Senza risolvere il problema della semplificazione della sua architettura istituzionale, e di una funzionale distribuzione di compiti e poteri tra le amministrazioni pubbliche. Senza mettere fine a un sistema nel quale tutti fanno tutto, e nessuno è responsabile di nulla, moltiplicando le burocrazie, i conflitti di competenza, le complicazioni procedurali. Una Repubblica più snella e (anche per ciò) più efficace. Nella quale ciascuna amministrazione ha compiti precisi e solo quelli. E i cittadini e le imprese sanno a chi rivolgersi; e dunque chi ha la responsabilità e i poteri per valutare la legittimità delle sue domande e per dare ad esse tempestive risposte. Astrid ha riunito alcuni dei maggiori amministrativisti ed esperti di organizzazione amministrativa del nostro paese, e li ha impegnati in una lunga e intensa riflessione comune. In questo paper è raccolto il primo prodotto di questo lavoro collegiale: le linee guida di un progetto di semplificazione del sistema istituzionale e amministrativa del nostro Paese; un progetto per una Repubblica più semplice, più snella, più moderna. Perciò più forte.