Come le rose disordinando l’aria

L’ossario  del sole

Eunice Odio

Passigli Poesia

a cura di Tomaso Pieragnolo e Rosa Gallitelli

Anno :2015

Pagine :138

Prezzo :16,50€

ISBN :9788836814916


In prima traduzione italiana una delle più grandi poetesse ispanoamericane del Novecento
 

Nata in Costa Rica nel 1919 e scomparsa a Città del Messico nel 1974, Eunice Odio è stata senza dubbio una grande protagonista della poesia ispano-americana. Donna bellissima, ebbe una vita sfortunata, segnata alla fine da alcool e solitudine. Cittadina messicana dal 1962, dopo il matrimonio con il pittore Rodolfo Zanabria, amica del grande Octavio Paz, che ne ammirava molto l’opera, il suo carattere libero e ribelle la portò tra l’altro a scontrarsi con quella sinistra messicana che male reagì ai suoi articoli critici nei confronti di Fidel Castro. La sua opera nel tempo è divenuta sempre più popolare in America Latina. Dopo un primo assaggio di poche liriche nella plaquette Questo è il bosco pubblicata dalle pistoiesi edizioni di Via del Vento nel 2009, Come le rose disordinando l'aria è la prima vera antologia poetica di questa grande autrice fino ad oggi presentata in Italia.

 
… Ah,
se almeno ti incontrassi un giorno
placidamente al bordo della mia morte,
agitando con il tuo amore il mio udito
là dove corre l’acqua
e non germoglia…
Ah,
compagno,
come ti amo a volte
per il tuo nome d’uomo
e per il mio collo in cui riposa la tua anima