La Grecia è morta

e altre poesie

L’ossario  del sole

Fabio Scotto

Passigli Poesia

prefazione di Alberto Bertoni

Anno :2013

Pagine :94

Prezzo :12,50€

ISBN :9788836813988

Il Libro:

"...Si deve riconoscere a Fabio Scotto una notevolissima competenza tecnica, che lo porta a concertare nel respiro lungo ed elaborato di un volume davvero ricco di spunti, di temi, di intonazioni, a volta a volta la partitura del poemetto eponimo, La Grecia è morta, dove presente (anti)europeo e mito antico s'intrecciano in un gioco serratissimo di sovrapposizioni e giustapposizioni molto appassionato e attuale...; e l'ampiezza spontaneamente europea delle Tessere che compongono il Quaderno di Bruxelles, radice diaristica del libro, in perfetta sintonia con un'inclinazione profonda e antica della poesia di Scotto al 'qui e ora' di un'esperienza in atto.

 

A un simile 'botta e risposta' d'inizio, si devono poi sommare la brevitas nient'affatto sentenziosa o esotica di haiku invece perfettamente necessari nell'alternanza di affanni sincopati e di silenzi, concepiti per di più come didascalie cinematografiche tutte funzionali al loro destino filmico e sospesi perciò fra acustica e visione; la tensione narrativa delle due intense prose Oltre il muro e Curvilinee, con la varietà prensile e sensibile di un punto di vista sempre in movimento, mai di sè soddisfatto; e i molti, diversi gradi di coinvolgimento amoroso cui danno vita i fitti dialoghi lirici 'io/tu' che animani i restanti capitoli del libro, nient'affatto petrarcheschi, nè immobili o contemplativi, ma vibranti di un coinvolgimento integrale dei corpi e delle loro percezioni sensoriali...".

Dalla prefazione di Alberto Bertoni

L'autore:

Fabio Scotto è nato a La Spezia nel 1959 e insegna Letteratura Francese all’Università degli Studi di Bergamo. Nome assai noto, in particolare per chi segue la letteratura francese, recentemente ha curato e tradotto il ‘Meridiano’ Mondadori di Yves Bonnefoy. Come poeta in proprio, ha pubblicato: Il grido viola (1988), Il bosco di Velate (1991), La dolce ferita (1999) e, uscite in questa stessa collana, Genetliaco (Passigli 2000, Premio Selezione 'Metauro'), L’intoccabile (Passigli 2004, Premio Selezione 'San Pellegrino'), Bocca segreta (Passigli 2008, Premio Selezione 'San Vito al Tagliamento'). Sue poesie sono tradotte in diverse lingue; la raccolta L’intoccabile è apparsa interamente in traduzione slovena nel 2010. Fra le altre sue pubblicazioni più recenti ricordiamo: Rimbaud. Speranza e lucidità (Donzelli, 2010), La voce spezzata (Donzelli, 2012) e l’importante antologia Nuovi poeti francesi (Einaudi, 2011).