Milano e Paolo Grassi. Un teatro per la città

un teatro

Fondazione Paolo Grassi

Fuori collana

A cura di Francesca Grassi e Antonietta Magli

Anno :2011

Pagine :204

Prezzo :22,00€

ISBN :978-88-368-1283-7



Curato dalla Fondazione Paolo Grassi, questo volume testimonia, attraverso le lettere e i documenti conservati nell’archivio della stessa Fondazione, la nascita di quel ‘miracolo’ che è stato il Piccolo Teatro di Milano, primo teatro stabile italiano.

Nel gennaio del 1947 il ventottenne Paolo Grassi e il ventiseienne Giorgio Strehler sono alla ricerca di uno spazio per fare teatro. Arrivano in via Rovello, davanti al palazzo del Carmagnola, che era stato il cinema Broletto e la sede della ‘Muti’, la milizia repubblichina. Dopo aver praticamente sfondato la porta, entrano nella sala. Giorgio Strehler ricorda: «Una platea abbandonata, con delle poltrone sconnesse, un palcoscenico vuoto con un sipario rosso tirato a metà. Improvvisamente da un lucernario, un raggio di sole attraversò il palcoscenico e andò a posarsi in un angolo. Era come se si fosse accesa, prodigiosamente, un proiettore e una sapiente lama di luce volesse indicare il palcoscenico, quel palcoscenico. Un invito, una provocazione?».

La decisione è presa, ma per costruire il nuovo teatro è necessario fondere due elementi: la nascente regia critica e un nuovo concetto di organizzazione, e Giorgio Strehler e Paolo Grassi si dividono questi due compiti, il primo come padre della regia italiana, il secondo come primo vero ed efficace operatore culturale.

Nelle pagine di questo libro il lettore ripercorrerà attraverso documenti testimonianti problemi economici, programmi teatrali, rapporti con gli enti pubblici e con autori e attori l’entusiasmante e coraggiosa storia iniziale di quella grande scommessa.