Musica da camera

musica-da-camera

James Joyce

Passigli Poesia

a cura di A. Gentili

Anno :2019

Pagine :104

Prezzo :12,50€

ISBN :9788836816941

Apparsa nel 1907, la raccolta "Musica da camera" comprende trentasei poesie scritte tra il 1901 e il 1904, tutte di ispirazione amorosa, e trovò subito un’ottima accoglienza da parte di critici e scrittori come Ezra Pound, che ne apprezzò l’eleganza e il temperamento delicato, e William Butler Yeats, che scrisse: «Penso che il signor Joyce abbia grandissime qualità. C’è una poesia nell’ultima pagina del suo "Chamber Music" che... è un capolavoro di tecnica ed emozioni». Tuttavia Joyce non ne era del tutto soddisfatto: ne apprezzava soprattutto la grazia musicale, tanto da parlare espressamente di canzoni per queste sue poesie e da augurarsi che almeno alcune venissero messe in musica, «quella vecchia musica inglese che piace a me». Eppure questo suo libro d’esordio, che per lingua, prosodia e temi richiama direttamente la copiosa lirica elisabettiana, se da un lato rappresenta l’omaggio di uno scrittore ventenne a tutta una tradizione lirica, dall’altro si pone come primo, fondamentale tassello di un’inesausta ricerca espressiva che già in quegli anni lo vedeva all’opera sui racconti di "Gente di Dublino"; basti pensare che il 1907 è anche la data del più famoso di questi racconti, "I morti", apparso recentemente in questa stessa collana.