Ponti sdarrupatu

Il crollo del ponte

9788836818754-1

Alfredo Panetta

Passigli Poesia

Prefazione di Giovanni Tesio

Anno :2021

Pagine :192

Prezzo :18,50€

ISBN :9788836818754

«… Perfettamente integrato nell’hinterland milanese, Panetta coglie nell’esercizio della lingua che più non si sa l’esigenza di una restituzione senza sconforto. La memoria in lui diventa possesso mitico, ed è stato Giancarlo Pontiggia a notare quanto – fin da principio – il suo verso sembri fatto “di calcinacci, di terra, di grumi, di grondanti umori”, ma – ribadisco – non di tradizionali lamenti più o meno cupi. C’è sempre, insomma, nei versi dialettali di Panetta, la concretezza estrusa di una parola incarnata, che coltiva gli schianti e che pare sporgere dalle rughe o dalle crepe profonde del vivere… Ma qui, nell’ultimo libro, c’è qualcosa di nuovo, qualcosa che muove da un tragico fatto di cronaca e che su quel fatto concepisce un intero e ben connesso, e laicissimo oratorio, cui tendo a dare un vero e proprio significato musicale, non foss’altro che per via di quei recitativi che ci parlano di vite perdute, di una Spoon River d’altri tempi e d’altra misura, ma sia ben chiaro: non imitativa… A colpire, poi, è un intero mondo di cemento e di catastrofe, un mondo di tondini che arrugginiscono, di malta che si sfarina, di stalli e pilastri che cedono di schianto. Un mondo così apparentemente lontano dalla poesia e così, invece, coraggiosamente convocato in un libro di forte configurazione morale…»

Dalla prefazione di Giovanni Tesio


 

Alfredo Panetta è nato a Locri (RC) nel 1962. Dal 1981 vive a Milano ma continua a scrivere nella sua lingua madre, il dialetto calabrese del basso ionico reggino. Le sue precedenti raccolte sono: Petri ‘i limiti (Pietre di confine, Moretti & Vitali, 2005 – premio Montale Europa per l’inedito), Na folia nt’è falacchi (Un nido nel fango, Edizioni CFR, 2011 – premio Pascoli), Diricati chi si movinu (Radici mobili, La Vita Felice, 2015 – premio Thesaurus) e Thra sipali e sònnura (Tra rovi e sogni, Puntoacapo, 2018 – premio Di Liegro). Diversi gli altri riconoscimenti ottenuti, in particolare il premio Gozzano e il Rhegium Julii. Coordina un laboratorio di scrittura poetica in una scuola primaria di Gallarate e cura una rubrica di poesia dialettale sul blog della Casa della Poesia al parco Trotter di Milano.