Il guscio delle cose

il-guscio-delle-cose

Daniele Cavicchia

Passigli Poesia

Anno :2019

Pagine :64

Prezzo :10,00€

ISBN :9788836816712

«…Confrontando questa ultima straordinaria pubblicazione poetica con le precedenti, non potrei non dire che in essa il discorso poetico si dilata e si snoda in sequenze che si intrecciano le une alle altre in vertiginose ascese e discese tematiche ma nel solco di una mirabile unità espressiva e narrativa che dà anima a una lettura febbrile e ininterrotta: sono testi lirici che non si possono non leggere senza sosta, nello stupore del cuore, dalla prima alla ultima composizione poetica. Dalla memoria, dall'archivio della memoria, i ricordi sgorgano nelle loro penombre e nelle loro luci abbaglianti, le une e le altre intessute di dolore e di angoscia indicibili, di parole scheggiate e imprevedibili, di silenzi impenetrabili, e questo nel roveto ardente di narrazioni che immergono il passato nel presente, in un presente nel quale si riflette un passato che continua a vivere nelle sue metamorfosi e nei suoi sconfinati adombramenti… Dalla lettura di questi testi si esce quasi storditi dalla loro sconvolgente profondità, e dalla loro vibrante testimonianza della fecondità inappagata e straziata delle composizioni poetiche di Daniele Cavicchia che, bruciando ogni convenzionalità, ci avvicinano al mistero del dolore, e ai suoi imprevedibili orizzonti di senso» (Dalla prefazione di Eugenio Borgna).

Daniele Cavicchia è nato a Montesilvano (Pescara), dove risiede. Ha collaborato a «Il Messaggero», «L'Informatore librario», «Sintesi», «Arenaria». È segretario organizzatore del premio di saggistica 'Città delle rose' e ha curato il premio Ovidio e il festival 'Moto perpetuo' di Pescocostanzo. Fra le sue pubblicazioni di poesia, ricordiamo quelle più recenti, apparse in questa collana: La malinconia delle balene (2004, prefazione di Mario Luzi – premi Carispaq, Rhegium Julii e Alfonso Gatto), Dal libro di Micol (2008, prefazione di Marco Tornar), La signora dell'acqua (2011, prefazione di Sergio Givone), La solitudine del fuoco (2016, prefazione di Dacia Maraini). Le sue poesie sono tradotte in diverse lingue. Tra le altre sue pubblicazioni, il volume di racconti La matita (2014) e Zeta l'ultima della fila (2018).